Storia e composizione della biblioteca 
 
La biblioteca della FEF si è costituita nel 1987 con la donazione dei libri e delle carte di Ezio Franceschini (1906-1983) titolare (1939) della prima cattedra italiana di Storia della letteratura latina medievale, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore. 
 
Al fondo originario si sono aggiunti, negli anni successivi, i patrimoni librari di numerosi altri studiosi. Di particolare rilievo l'acquisizione della biblioteca di Gianfranco Contini (1912-1990), filologo romanzo e critico letterario, insigne studioso di letteratura italiana, personalità eminente della cultura italiana ed europea del Novecento. 
 
Altri fondi, in ordine di acquisizione: Lorenzo Minio Paluello (1907-1986) noto, in particolare, per i suoi studi sull'aristotelismo latino e la prima scolastica; mons. José Ruysschaert (1914-1993), vice-prefetto della Biblioteca Apostolica Vaticana, bibliologo, studioso di storia delle biblioteche e della fortuna dei classici nel Medioevo; Bruno Nardi (1884-1968), illustre dantista e storico della cultura medievale; Carmelo Cappuccio (1901-1993), storico della letteratura italiana; Vittorio Ragazzini (1887-1962), studioso di lettere classiche; Aldo Rossi (1934-1999), critico letterario e docente universitario, fondatore di «Poliorama»; Tullio Gregory, già professore di Storia della filosofia all’Università di Roma “La Sapienza”, accademico dei Lincei e fondatore del Lessico Intellettuale Europeo e Storia delle Idee del Consiglio Nazionale delle Ricerche. Marco Praloran (1955-2011), illustre italianista, docente di Storia della lingua italiana presso l'Università di Losanna, autore di importanti studi sul Boiardo, l'Ariosto, nonché su Giacomo Noventa, saggista e poeta italiano della prima metà del Novecento.

Informazioni aggiuntive